FAQ – Fattura Elettronica

Fattura No Problem
ACCESSO

Dove trovo username e password per accedere al sistema?

Risposta: Nella mail ricevuta dall’indirizzo notifiche@arancia-ict.it con oggetto “Fattura No Problem: Notifica Generazione Utente”.‏ In caso non si trovi nella “Posta in Arrivo”, è possibile che sia reperibile nella “Posta Indesiderata” o “Spam”.

Non riesco più ad accedere al sistema, cosa devo fare?

Risposta: Controllare di aver inserito le credenziali di accesso correttamente ed, eventualmente, aggiornare la pagina web. Se il problema persiste, resettare la password tramite la sezione d’accesso (http://servizi.arancia-ict.it), lasciando le caselle di Username e Password vuote, in basso apparirà la voce “Password dimenticata?”. Cliccarvi sopra e seguire la procedura.

COMPILAZIONE DELLA FATTURA

Cos’è il Codice Destinatario?

Risposta: Il Codice Destinatario ( o Codice Univoco Ufficio) è il codice necessario ai fini dell’univoca identificazione degli uffici delle amministrazioni destinatari della fatturazione. Tale codice è una stringa alfanumerica(numeri e/o lettere maiuscole) di lunghezza pari a 6 caratteri, disponibile anche su www.indicepa.gov.it.

Ho inserito il Codice Destinatario, ma il sistema indica che la denominazione della PA (data in automatico) è troppo lunga?

Risposta: Contattateci.

Come devo numerare le fatture?

Risposta: Si consiglia di numerare le fatture elettroniche diversamente da quelle cartacee  se si intende procedere ad una conservazione mista, cioè se si intende conservare digitalmente le fatture elettroniche e tradizionalmente le fatture cartacee.

Esempio di numerazione delle fatture elettroniche: 01/E/2016, ossia 01 (progressivo della  fattura), E (elettronica), 2016 (anno di riferimento).

Si ricorda inoltre che il Sistema di Interscambio scarta le fatture inviate con progressivi uguali.

Bisogna compilare il campo “Causale” in fattura e cosa è necessario inserire?

Risposta: Non si tratta di un campo obbligatorio, ma è consigliato. Si utilizza per descrivere il motivo per cui è emessa la fattura. La descrizione in formato alfanumerico può contenere un massimo di 200 caratteri.

Dove s’inserisce il Codice CIG?

Risposta: Cliccare sulla linguetta nera, posta a destra della fattura, denominata “Campi opzionali”. Cliccare sul segno “+” in corrispondenza della voce “Dati Ordine Acquisto”. L’operazione determinerà l’inserimento in fattura dell’omologa sezione in cui è presente il campo “CIG”.

Cosa devo inserire in fattura, alla voce “Esigibilità IVA” (I-D-S)?

Risposta: Le diciture I/D/S da inserire alla voce di fattura “Esigibilità IVA”, si riferiscono alla tipologia di IVA a cui si è soggetti per la fattura specifica, ovvero:

– I (Immediata);

– D (Differita): in caso di IVA cosiddetta sospesa;

– S (Scissione dei pagamenti o Split Payment).

Cosa significa la voce di fattura “Riferimento Amministrazione”?

Risposta: il campo non è obbligatorio ed stato previsto per immettere in fattura un valore, che possa in qualche modo agevolare il trattamento automatico della fattura da parte di chi la riceve.

E’ necessario compilarlo quando è richiesto esplicitamente dall’ente destinatario.

Spesso viene utilizzato per indicare la sede e/o ufficio specifico dell’ente a cui è indirizzato.

Cosa significa la casella di spunta “Art. 73”?

Risposta: Esso fa riferimento all’art. 73 del DPR 633/72 che consente al cedente/prestatore l’emissione, nello stesso anno, di uno o più documenti in precedenza trasmessi (e non scartato) al Sistema di Interscambio e aventi lo stesso numero.

DUPLICAZIONE DELLA FATTURA

Come si duplica una fattura?

Per duplicare una fattura è necessario cliccare prima sulla freccia posta a destra della fattura d’interesse, in corrispondenza della colonna “Azione”, e poi sulla voce”Duplica fattura” disponibile nel menù a tendina. L’operazione genererà una fattura uguale alla fattura originaria ma che si trova nello stato di “Bozza”, sulla quale si può agire apportando delle modifiche, qualora necessario.

Si ricorda che nel caso in cui nella fattura d’origine fossero allegati dei documenti, questi non saranno riportati nella fattura duplicata.

STATI DELLA FATTURA: DECORRENZA TERMINI, IN CONSERVAZIONE
Cosa indica lo stato “Decorrenza Termini”?

Risposta: Lo stato di “Decorrenza Termini” indica che sono trascorsi 15 giorni di tempo a disposizione della PA per esprimere un parere sulla fattura (accettata, non accettata), Se la fattura dovesse essere errata, la PA provvederà a contattare il fornitore il quale dovrà emettere una nota di credito e, successivamente, una nuova fattura. Viceversa la PA provvederà al pagamento della fattura.

Cosa indica lo stato “In Conservazione”?

Lo stato di “In Conservazione” indica che la fattura ha subito il processo di conservazione a norma. Rimane a disposizione sul sistema sia per la visualizzazione sia per il download.

NOTA DI CREDITO
In caso di rifiuto o di non accettazione della fattura, devo inviare una “Nota di Credito”?

Risposta: No. Nel caso in cui il SDI scarti la fattura o il destinatario non l’accetti, è possibile re-inviare una fattura con lo stesso numero e data apportando gli opportuni correttivi.

La nota di credito va inviata nel caso in cui si riscontri un errore in fattura dopo l’esito di accettazione o lo stato di decorrenza dei termini. In tali circostanze è necessario:

  • Emettere la nota di credito
  • Riemettere la fattura in modo corretto

In ogni caso, si consiglia di rivolgersi al proprio consulente fiscale.

Come si crea una nota di credito?

Risposta: al seguente link è disponibile una guida dettagliata alla creazione di una nota di credito mediante il nostro sistema:https://www.digitalenoproblem.it/download/guide/compilazione_nota_credito.pdf

BOLLO VIRTUALE
Devo inserire il Bollo in fattura?

Risposta: È necessario il pagamento dell’imposta di bollo quando gli importi superano 77,47 euro e non è presente IVA.

Come pagare il Bollo Virtuale?

Risposta: Mediante il modello f24 il contribuente, 120 gg prima della chiusura dell’anno fiscale, deve effettuare il versamento relativo ai bolli virtuali apposti sulle effettive fatture emesse durante l’anno.

Per maggiori informazioni sul versamento dell’imposta di bollo:https://www.digitalenoproblem.it/scadenza-assolvimento-bollo-virtuale/

CAMPI OPZIONALI
Perché a volte capita di non riuscire a visualizzare il menù “Campi Opzionali”?

Risposta: per visualizzare il suddetto menù, è necessario aprire la fattura in “modalità modifica” (cliccando, quindi, sul tasto “modifica”)

Come si inserisce un “Campo Opzionale”?

Risposta: E’ necessario cliccare sulla linguetta nera, posta a destra della fattura, denominata “Campi opzionali”. Cliccare sul segno “+” in corrispondenza del campo opzionale d’interesse.

A cosa serve il campo opzionale “Dati Fatture Collegate”?

Risposta: Si utilizza se si necessita ‘legare’ il documento alla/e fattura/e in precedenza emessa/e, ovvero se si vuole evidenziare il fatto che il documento è collegato ad una fattura precedentemente emessa (per esempio,nel caso delle note di credito o delle fatture di conguaglio a fronte di precedenti fatture di acconto).

Questo “Campo Opzionale” può essere replicato più volte, in modo da correlare il documento anche a più fatture precedenti.

A cosa serve il campo opzionale “Dati Pagamento”?

Risposta: Il campo deve essere inserito in fattura nel caso in cui si vogliano evidenziare informazioni relative al pagament o. E’ sufficiente compilare solo i campi IBAN e Importo del pagamento (da inserire al netto dell’IVA).

COSA DARE AL COMMERCIALISTA
Cosa devo dare al commercialista?

Risposta: è possibile salvare una copia della fattura (pdf della visualizzazione con foglio di stile dell’xml.p7m firmato digitalmente) tramite l’apposito pulsante, ed inviarla al proprio consulente per la gestione della contabilità.

FAQ – Generiche

Tutti i prodotti

Richiedi Assistenza

Se non hai trovato le informazioni che ti necessitano nella nostra raccolta di “domande frequenti” non esitare a contattarci, compila il modulo e scegli come essere ricontattato.

Siamo Accreditati come Conservatori presso AgID

Agenzia per L'italia Digitale

Scopri di più …

 

Siamo Conservatori  membri della coalizione ANORC/AIFAG

Coalizione dei conservatori accreditati presso ANORC - AIFAG
Scopri di più …

Sistema di Gestione Qualità Certificato ISO 9001

UNI EN ISO 9001:2008

Scopri di più …

Sistema di gestione sicurezza informazioni certificato ISO/IEC 27001

ISO/IEC 27001:2014

 Scopri di più …